2018
• 82 •
N
2018
• 50 •
S
2018
• 6 •
C
2017
• 80 •
N
2017
• 79 •
N
2017
• 48 •
S
2017
• 47 •
S
2016
• 78 •
N
2016
• 77 •
N
2016
• 46 •
S
2016
• 45 •
S
2016
• 5 •
C
2015
• 76 •
N
2015
• 75 •
N
2015
• 44 •
S
2015
• 43 •
S
2014
• 74 •
N
2014
• 73 •
N
2014
• 42 •
S
2014
• 41 •
S
2013
• 4 •
C
2013
• 72 •
N
2013
• 71 •
N
2013
• 40 •
S
2013
• 39 •
S
2012
• 70 •
N
2012
• 69 •
N
2012
• 38 •
S
2012
• 37 •
S
2011
• 3 •
C
2011
• 68 •
N
2011
• 67 •
N
2011
• 36 •
S
2011
• 35 •
S
2010
• 66 •
N
2010
• 65 •
N
2010
• 34 •
S
2010
• 33 •
S
2009
• 2 •
C
2009
• 64 •
N
2009
• 63 •
N
2009
• 32 •
S
2009
• 31 •
S
2008
• 62 •
N
2008
• 61 •
N
2008
• 30 •
S
2008
• 29 •
S
2007
• 60 •
N
2007
• 59 •
N
2007
• 28 •
S
2007
• 27 •
S
2006
• 58 •
N
2006
• 57 •
N
2006
• 26 •
S
2006
• 25 •
S
2005
• 56 •
N
2005
• 55 •
N
2005
• 24 •
S
2005
• 23 •
S
2004
• 54 •
N
2004
• 53 •
N
2004
• 22 •
S
2004
• 21 •
S
2003
• 52 •
N
2003
• 51 •
N
2003
• 20 •
S
2003
• 19 •
S
2002
• 1 •
C
2002
• 50 •
N
2002
• 49 •
N
2002
• 18 •
S
2002
• 17 •
S
2001
• 48 •
N
2001
• 47 •
N
2001
• 16 •
S
2001
• 15 •
S
2000
• 46 •
N
2000
• 45 •
N
2000
• 14 •
S
2000
• 13 •
S
1999
• 44 •
N
1999
• 43 •
N
1999
• 12 •
S
1999
• 11 •
S
1998
• 42 •
N
1998
• 41 •
N
1998
• 10 •
S
1998
• 9 •
S
1997
• 40 •
N
1997
• 39 •
N
1997
• 8 •
S
1997
• 7 •
S
1996
• 38 •
N
1996
• 37 •
N
1996
• 6 •
S
1996
• 5 •
S
1995
• 36 •
N
1995
• 35 •
N
1995
• 4 •
S
1995
• 3 •
S
1994
• 34 •
N
1993
• 33 •
N
1994
• 2 •
S
1994
• 1 •
S
1993
• 32 •
N
1992
• 31 •
N
1992
• 30 •
N
1991
• 29 •
N
1991
• 28 •
N
1990
• 27 •
N
1990
• 26 •
N
1989
• 25 •
N
1989
• 24 •
N
1988
• 23 •
N
1988
• 22 •
N
1987
• 21 •
N
1987
• 20 •
N
1986
• 19 •
N
1986
• 18 •
N
1985
• 17 •
N
1985
• 16 •
N
1984
• 15 •
N
1984
• 14 •
N
1983
• 13 •
N
1983
• 12 •
N
1982
• 11 •
N
1982
• 10 •
N
1981
• 9 •
N
1981
• 8 •
N
1980
• 7 •
N
1980
• 6 •
N
1979
• 5 •
N
1979
• 4 •
N
1978
• 3 •
N
1978
• 2 •
N
1977
• 1 •
N

 

Convegni congiunti | Gruppi Prodi - Del Re

Convegni congiunti



I due Gruppi “Giovanni Prodi” e “Giuseppe Del Re”, rispettivamente ‘del Nord’ e ‘del Sud’, operano separatamente con due incontri l’anno, in primavera e in autunno, generalmente presso strutture religiose e con modalità organizzative e di conduzione degli interventi differenti, sulla base delle scelte condivise dai partecipanti: più strutturata (con interventi di lunga durata), la prima, per consentire un ampio approfondimento delle tematiche; più informale (con interventi di breve durata), la seconda, per un massimo coinvolgimento di tutti gli astanti. Per entrambi i Gruppi, liberi e autofinanziati, la scelta dei temi di discussione è operata collegialmente. Periodicamente le attività dei due Gruppi convergono in Convegni congiunti. Coordinatori attualmente in carica sono i professori Giovanni Prosperi, per il Nord, e Giuseppe De Cecco, per il Sud.



Convegnistica 1977-2016

Laddove indicate con la dicitura ★ ★ ★ APPROFONDIMENTI ★ ★ ★ sono visualizzabili le informazioni di dettaglio cliccando sul titolo stesso dell'evento.
Per una migliore navigazione, si raccomanda di chiudere il cassetto visualizzato prima di aprire il successivo, cliccando nuovamente sul titolo.
Per un accesso diretto all'anno di interesse, utilizzare il menù a scorrimento orizzontale sopra- e sottostante.

 



 

5° CONVEGNO "SCIENZA E FEDE" CONGIUNTO

GRUPPO GIOVANNI PRODI (77°) & GRUPPO GIUSEPPE DEL RE (45°)

 

Scienza, Fede, Società:
come siamo interpellati
dalla crisi mondiale attuale?

Frascati, Villa Campitelli, 13-15 maggio 2016

PROGRAMMA

 


Saluto inaugurale

 

Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo di Frascati, Ospite del Convegno.




Fare pace oggi nel mondo contemporaneo

Giancarlo Penza, Comunità di sant'Egidio






Islam e Occidente: alla ricerca di un possibile futuro di pace

Samir Khalil Samie, S.J., Pontificio Istituto Orientale e Università Saint Joseph, Beirut








Misericordia, equità e fratellanza: le armi del Papa, alla ricerca della pace

Anna Scafati, biofisica, già ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, Roma








Sul ruolo degli scienziati nello sviluppo delle tecnologie militari e nelle battaglie per creare un mondo più pacifico

Carlo Schaerf, Professore di Fisica e Presidente dell’ISODARCO – Scuola sul disarmo e il controllo dei conflitti







Quale futuro globale: economico e sociale ci attende, se saremo intelligenti e di buona volontà. La faticosa transizione verso un mondo più salubre, ricco, uguale, socialmente integrato attraverso le disuguaglianze individuali, le tensioni sociali e le crisi economiche

Jacopo di Cocco, economista, già docente dell'Università di Bologna







Il personalismo comunitario: un'occasione perduta o un progetto per il futuro?

Ludovico Galleni, biologo, già docente dell'Università di Pisa







Spezzare il cerchio della guerra. Il lavoro di Emergency nelle aree di conflitto

Cecilia Strada, presidente di Emergency

Comitato organizzatore: Pino De Cecco, Giovanni M. Prosperi, Armando Reale, Anna Scafati.




Dibattito conclusivo



ALLEGATI

Sommario interventi

Samir Khalil Samie, S.J., Islam e Occidente: alla ricerca di un possibile futuro di pace

Anna Scafati, Misericordia, equità e fratellanza: le armi del Papa, alla ricerca della pace

Carlo Schaerf, Sul ruolo degli scienziati nello sviluppo delle tecnologie militari e nelle battaglie per creare un mondo più pacifico

Jacopo Di Cocco, Quale futuro globale: economico e sociale ci attende, se saremo intelligenti e di buona volontà

Ludovico Galleni, Il personalismo comunitario: un'occasione perduta o un progetto per il futuro?

Cecilia Strada, Spezzare il cerchio della guerra. Il lavoro di Emergency nelle aree di conflitto

Giancarlo Penza, Fare pace oggi nel mondo contemporaneo



Samir Khalil Samie, S.J., Islam e Occidente: alla ricerca di un possibile futuro di pace

Anna Scafati, Misericordia, equità e fratellanza: le armi del Papa, alla ricerca della pace

Carlo Schaerf, Sul ruolo degli scienziati nello sviluppo delle tecnologie militari e nelle battaglie per creare un mondo più pacifico

Jacopo Di Cocco, Quale futuro globale: economico e sociale ci attende, se saremo intelligenti e di buona volontà

Ludovico Galleni, Il personalismo comunitario: un'occasione perduta o un progetto per il futuro?

Sergio Parenti O.P. (a cura di), Scelta di Sacre letture per la preghiera. 5° Congegno congiunto "Gruppo Prodi" e "Gruppo Giuseppe Del Re", Frascati, 14 maggio 2016





 

4° CONVEGNO "SCIENZA E FEDE" CONGIUNTO

GRUPPO GIOVANNI PRODI (71°) & GRUPPO GIUSEPPE DEL RE (39°)

 

Economia: scienza, realtà osservabile, politica e società

Frascati, Villa Campitelli, 7-9 giugno 2013

PROGRAMMA

 


1. L'Economia come scienza sociale


Giovanni M. Prosperi, Introduzione.

 





a) Fondamenti e sviluppi della scienza economica

Pierluigi Porta, Università di Milano Bicocca



L’economia politica assume questo nome nell’epoca moderna. Sul piano storico ha origine come disciplina normativa che riguarda da un lato il buon uso di risorse disponibili e dall’altro criteri di giustizia commutativa e distributiva. Questa duplice matrice è la ragione per la quale leconomia è costantemente associata da un lato con principi di ottimizzazione e dall’altro con le teorie della giustizia. Con l’avvento della scienza moderna, di impostazione galileiana e baconiana, l’economia diventa campo privilegiato di una serie di tentativi di trasformarla di scienza della società in parallelo con lo sviluppo delle scienze della natura, con marcata inclinazione a espungere dal discorso scientifico ogni residuo filosofico. Occorre parlare di ‘tentativi’, giacché il parallelismo qui accennato si è sempre arrestato di fronte a ostacoli difficilmente superabili. Tali ostacoli riguardano, esemplificativamente, i seguenti aspetti:

1. L'oggetto ‘società’ non è indipendente dal soggetto conoscente (circolo ermeneutico).

2. L'induzione è problematica, non solo per ragioni humanae, ma anche perché non è possibile individuare in forma separata i fenomeni oggetto di indagine (sperimentazione).

3. I fatti economici hanno sempre una componente interpretativa.

4. L'economia non può prescindere dalla analisi delle finalità della azione umana. Questi e simili ostacoli hanno determinato la impostazione deduttiva dello studio e dell’insegnamento dell'economia. Sul piano storico l'economia ha continuato a presentare, nei maggiori protagonisti, ampie forme di interazione con componenti filosofiche. Gli esempi maggiori sono forse Adam Smith, John S. Mill, Karl Marx, Vilfredo Pareto. La crisi del positivismo, specie con la affermazione della epistemologia popperiana e degli sviluppi di questa, non è stata priva dinfluenza sugli studi economici di questo dopoguerra. Se da un lato vi è stato un rafforzamento dei presupposti del c.d. homo oeconomicus, estendendone la applicazione a tutte le discipline socio-politiche, dall'altro vi è stata una vigorosa ripresa di concezioni multidimensionali della disciplina economica. Per una sintetica bibliografia si segnala il contributo del relatore al Simposio Magatti, che sta per uscire su Etica e politica, assieme a un altro saggio Competere per cooperare appena uscito su SOUQQUADERNI, disponibile anche online [Numero 7, Aprile 2013].

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Bruni, L., 2010, L'ethos del mercato. Una introduzione ai fondamenti antropologici e relazionali dell'economia, Milano: Bruno Mondadori.

Bruni, L., Porta, P.L., 2006, eds., Felicità e libertà. Economia e benessere in prospettiva relazionale, Milano: Guerini.

Bruni, L., Porta, P.L., 2006, “Felicità e economia: nuovi percorsi della teoria e della politica economica”, in Economia e politica industriale, anno XXXIV, n. 1, 2007, pp. 9-36.

Bruni, L., Zamagni, S., eds., 2009, Dizionario di economia civile, Roma: Città Nuova.

Bruni, L., Zamagni, S., 2004, Economia civile. Efficienza, equità, felicità pubblica, Bologna: Mulino. Enciclopedia Italiana, Appendice VIII, 2012, Il contributo italiano alla storia del pensiero: Economia, a cura di V. Negri Zamagni e P. L. Porta, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana.

Frey, B.S., Stutzer, A., 2006. Economia e felicità. Come l’economia e le istituzioni influenzano il benessere, Milano: Il Sole 24 Ore. Guala, F., 2006, Filosofia dell’economia. Modelli, causalità, previsione, Bologna: Mulino.

Hayek, F. A., 1988 [1942], “Lo scientismo e lo studio della società”, in Conoscenza, mercato, pianificazione. Saggi di economia e di epistemologia, Bologna: Mulino, pp. 97-210.

Hicks, J.R, 1983, “A Discipline not a Science”, in Classics and Moderns, Collected Essays, vol. 3, Oxford: Blackwell, pp. 365-375.

Hume, D., 1987 [1740]), Trattato sulla natura umana, Roma-Bari: Laterza.

Mill, J.S., (2004 [1854, 1861, 1869]) La libertà. L’utilitarismo. L’asservimento delle donne, Milano: BUR.

Mill, J.S., 1976 [1844], Saggi su alcuni problemi insoluti dell’economia politica, Milano: Isedi.

Nagel, E., 1968, La struttura della scienza. Problemi di logica della ricerca scientifica, Milano: Feltrinelli.

Natoli, S., 2010, Il buon uso del mondo. Agire nell’età del rischio, Mondadori.

Nussbaum, M. C., 2007, Le nuove frontiere della giustizia. Disabilità, nazionalità, appartenenza di specie, Bologna: Mulino.

Prodi, P., 2009, Settimo non rubare. Furto e mercato nella storia dell’Occidente, Bologna: Mulino.

Putnam, H., 2012, La filosofia nell’età della scienza, Bologna: Mulino.

Robbins, L. C., 1947 [1932], Saggio sulla natura e l’importanza della scienza economica, Torino: UTET.

Russell, B., 1961, History of Western Philosophy, London: Allen & Unwin.

Sandel, M., 2010, Giustizia. Il nostro bene comune, Milano: Feltrinelli.

Schumpeter, J.A., 1960 (1954), Storia dell’analisi economica, 3 voll., Torino: Boringhieri.

Sen, A., L’idea di giustizia, Mondadori, 2011.

Smith A., 1996 [1776], La ricchezza delle nazioni, UTET Libreria.





b) Un ponte tra teoria e realtà: modelli econometrici per la politica economica e la previsione

Giampiero M. Gallo, Università di Firenze



RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Geweke, Horowitz, Pesaran (2006) Econometrics: A Bird's Eye View

Magnus (1999), The success of econometrics

Epstein 2011, An Econometrics Primer for Lawyers

P. Kennedy, A Guide to Econometrics 6th Ed Wiley 2008.





2. Le realtà economiche e sociali

a) L'economia reale e quella finanziaria

Dott. Carlo Santini, già docente della LUISS e a Tor Vergata (Roma), ex Direttore centrale della Banca d'Italia ed ex Direttore generale dell'Ufficio Italiano dei Cambi



L'invenzione della moneta segna un enorme progresso nella storia della civiltà umana. La moneta, metallica, cartacea, bancaria, è alla base dello sviluppo degli scambi e dei processi di risparmio e di investimento, a loro volta centrali nei processi di sviluppo delle economie e del benessere. La maggiore equità distributiva amplia la platea dei risparmiatori e rende più rilevante l'intermediazione delle banche e dei mercati della finanza. Le innovazioni rafforzano il ruolo dell'economia finanziaria come ancella dell'economia reale. In tempi più recenti, quelle stesse innovazioni, in un contesto di più ampia libertà e di crescente concorrenza e internazionalizzazione, hanno contribuito ad oscurare la percezione dei rischi e ad affievolire il collegamento fra finanza e economia reale. La crisi in atto nasce in questo ambiente. Per superarla occorre un impegno su base internazionale dei Governi, dei Parlamenti e delle Autorità di vigilanza per regole uniformi e rigorose, che ristabiliscano un corretto rapporto di servizio della finanza all'economia reale.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Pierluigi Ciocca, Il tempo dell'economia, Bollati Boringhieri, 2004.

Riccardo De Bonis, La banca, Carocci, 2008.

FSA-Financial Services Authority, The Turner Review. A regulatory response to the global banking crisis, London, 2009.

Tommaso Padoa-Schiocca, La veduta corta. Conversazione con Beda Romano sul grande crollo della finanza, il Mulino, 2009.

Ignazio Visco, Economia e finanza dopo la crisi, Conferenza all'Accademia Nazionale dei Lincei, 8 marzo 2013 [disponibile sul sito della Banca d'Italia: www.bancaditalia.it ].

Paolo Savona, Economia, EGEA, Milano 2013.





b) Economia e morale nella «Caritas in Veritate»

Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo di Frascati



RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Caritas in veritate: lettera enciclica del sommo pontefice Benedetto 16. ai vescovi, ai presbiteri e ai diaconi, alle persone consacrate, ai fedeli laici e a tutti gli uomini di buona volontà sullo sviluppo umano integrale nella carità e nella verità, [Cinisello Balsamo]: San Paolo, 2009, 79 p.; 20 cm. (Complemento del tit. nella cop.: enciclica sociale. - Supplemento a: Famiglia cristiana).

Giorgio Campanini (a cura di), Caritas in veritate: linee guida per la lettura, Bologna: EDB, 2009.

Carmelo Vigna [et alii], Caritas in veritate e dottrina sociale della Chiesa, Ispica (Rg), Convento Santa Maria di Gesù, 2010.

Attard Adrian [et alii], Lo sviluppo ha bisogno di cristiani: riflessioni intorno all'enciclica Caritas in veritate, Roma, Pontificio Istituto di Spiritualità Teresianum, 2011 [interventi di Enrico Letta, Stefano Zamagni, Dalla Caritas in veritate la chiave di lettura della crisi, Roma, 5 novembre 2009 / Arel - Roma, Arel, stampa 2009].





c) Le economie nazionali, quelle europea e mondiale tra loro interdipendenti

Romano Prodi, ex Presidente della Commissione Europea

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Romano Prodi, Futuro cercasi, 2011, Aliberti, 2011.

Romano Prodi, La mia visione dei fatti: cinque anni di governo in Europa, 2008, il Mulino.

Paolo De Castro, Corsa alla terra: cibo e agricoltura nell’era della nuova scarsità, 2012, Donzelli.

Tommaso Padoa Schioppa, Due anni di Governo dell’Economia (maggio 2006 – maggio 2008), 2011, il Mulino.

Edmondo Berselli, L’economia giusta, 2012, Einaudi.

Gui Verhofstadt, Gli Stati Uniti d'Europa : manifesto per una nuova Europa, 2006, Fazi.

Joseph E. Stiglitz, La globalizzazione che funziona, 2006, Einaudi.

 

d) Non rubare: furto e mercato nella storia occidentale

Paolo Prodi, Emerito dell’Università di Bologna

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Paolo Prodi, Furto e mercato nella storia occidentale, 2009 eum, Università di Macerata (testo in un file allegato).

Paolo Prodi, Guido Rossi, Non Rubare, 2010, il Mulino (sarà allegato al Corriere della Sera del 21 giugno).

Paolo Prodi, Settimo non rubare  furto e mercato nella storia dell'Occidente, 2009, il Mulino.

Paolo Prodi, Una storia della giustizia: dal pluralismo dei fori al moderno dualismo tra coscienza e diritto, 2001, il Mulino, nel 2010 edito in formato elettronico.





e) Etica ed economia, una relazione controversa, ma ineludibile oggi

Mario Signore, Università del Salento

La riflessione che qui si propone vuole ripristinare una relazione che, in particolare oggi, appare assolutamente ineludibile.

Partendo da una definizione senza pregiudizio e non moralistica di “globalizzazione”, si esamine- ranno gli elementi che la connotano sul piano delle dinamiche economico-finanziarie, per poi metterne in evidenza gli esiti culturali e relazionali che, per loro natura, invocano il riferimento ad una tavola dei valori “essenziali” (eterogenesi dei fini?).

Mettendo allo scoperto la “teleologia del denaro”, come pretesa di assolutizzare il valore economico,si valuterà, attraverso argomentazioni etico-filosofiche, la percorribilità della via del “valore morale”, come non contraddittorio rispetto al valore economico (d’uso e di scambio), attraverso, fondamentalmente, l’apertura ad una conversione antropologica in cui l’uomo, non ridotto a “homo oeconomicus”, rivendica l’ “intero” che ontologicamente lo costituisce.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Aristotele, Etica nicomachea (qualsiasi edizione).

A.Smitn, La ricchezza delle nazioni, Newton, Roma 2005.

A.Smitn, Teoria dei sentimenti morali, BUR, Milano 2001.

M.Signore, Lo sguardo della responsabilità, Studium, Roma 2006.

M.Signore, Economia del bisogno ed etica del desiderio, Pensa Multimedia, Lecce 2009.

M.Signore, Prolegomeni ad una nuova/antica idea di Welfare, Pensa Multimedia, Lecce 2001.






Dibattito conclusivo




ALLEGATI

Pierluigi Porta, Fondamenti e sviluppi della scienza economica

Giampiero M. Gallo, Un ponte tra teoria e realtà: modelli econometrici per la politica economica e la previsione

Carlo Santini, L’economia reale e quella finanziaria

Raffaello Martinelli, Economia e morale nella “Caritas in Veritate”

I seguenti interventi sono visualizzabili dal canale Youtube diwww.scienzafedesocieta.org, nella playlist "4° Convegno «Scienza e Fede» congiunto, Frascati 2013" oppure dalla presente pagina del Sito.

L'intero convegno è era stato inizialmente videoregistrato dal Consortium GARR, in formato flash, ormai obosleto

Giovanni Prosperi, Introduzione

Pierluigi Porta, Fondamenti e sviluppi della scienza economica

Giampiero M. Gallo, Un ponte tra teoria e realtà: modelli econometrici per la politica economica e la previsione

Carlo Santini, L’economia reale e quella finanziaria

Raffaello Martinelli, Economia e morale nella “Caritas in Veritate”

Paolo Prodi, Non rubare: furto e mercato nella storia occidentale

Mario Signore, Etica ed economia, una relazione controversa, ma ineludibile oggi




 

3° CONVEGNO "SCIENZA E FEDE" CONGIUNTO

GRUPPO GIOVANNI PRODI (67°) & GRUPPO GIUSEPPE DEL RE (35°)

 

Neuroscienze, libertà
e responsabilità

Frascati (RM), Villa Campitelli, 17- 19 giugno 2011

PROGRAMMA

 

Premessa

 

Nella seconda metà del secolo scorso importanti progressi sono stati fatti nella comprensione dell’architettura e degli schemi di funzionamento del nostro sistema nervoso centrale, sulla natura fisica del segnale nervoso e della sua trasmissione, sul ruolo delle varie sottostrutture che compongono il nostro cervello. Sono stati studiati gli effetti sul comportamento e persino sui giudizi morali esporessi da persone che hanno subito determinati danni cerebrali. Sono stati messi a punto strumentazione e metodi di indagine non invasivi che permettono di porre in relazione l’attivitazione di determinate aree della corteccia cerebrale con lo stato di coscienza del soggetto o lo svolgimento di particolari attività sia fisiche che mentali. Si è perciò riproposto in maniera vivace il problema del cosiddetto rapporto mente-cervello, con una varietà di posizioni filosofiche che vanno da atteggiamenti radicalmente dualisti, come quello di Eccles e Popper, ad altri di assoluto riduzionismo come quello di F. Crick. E’ stata posta in discussione la stessa esistenza di un libero arbitrio e quella di una responsabilità morale, con evidenti implicazioni anche sociali e giuridiche. Per questa ragione è sembrato opportuno riaffrontare il tema in modo diretto all’interno dei nostri gruppi, anche se aspetti dello stesso sono già stati considerati sia nel ramo del sud che in quello del nord. Ciò vorremmo fare sfruttando le nostre competenze interne, ma anche invitando altri colleghi esperti su vari aspetti dello stesso.

Sono stati proposti in particolare alla riflessione i seguenti punti:

– Anatomia e organizzazione del sistema nervoso.

– Il sistema nervoso come sistema fisico.

– Il problema della soggettività e il rapporto mente cervello.

– Il problema della libertà e della responsabilità, scelte e condizionamenti.

– Stati di coscienza e di attenzione, svolgimento di attività e attivazione di particolari aree corticali.

– Percezione e ragionamento, reazioni consce e inconsce.

– Lesioni e malattie cerebrali, alterazione del comportamento e effetti su giudizi morali.

– Contributi dalla Psicologia Sperimentale e dalle Scienze Cognitive.

Dai neuroni alla volontà e alla morale: libertà o determinismo

Filippo Tempia, Dipartimento di Neuroscienze, Università di Torino

Dalle molecole alla mente entro una sola fisica

Marcello Costa, Departement of Physiology, Flinders University, Adelaide, Australia

Libero arbitrio, realtà o illusione?

Giuseppe Trautteur, Dipartimento di Informatica, Università di Napoli

Fisica del sistema nervoso e soggettività

Giovanni M. Prosperi, Dipartimento di Fisica Teorica, Università di Milano

Morale, virtù e neuroscienze

Adriana Gini, neuroradiologa e neuroeticista, Università Regina Apostolorum, Roma

Breve esposizione di alcuni esperimenti sul controllo volontario di un naturale processo percettivo

Cloe Taddei, biologa e teologa, Istituto di Cibernetica del CNR, Pozzuoli, Napoli

Cervello e mente: identità o distinzione?

Antonio Giuditta, Dipartimento di Biologia, Università di Napoli

Fenomenologia della Coscienza: dall’apprensione al giudizio

Tito Arecchi, Istituto Nazionale d’Ottica e Università di Firenze

Neuroscienze e filosofia per un’educazione alla libertà ed alla responsabilità

Chiara D'Alessio, ricercatrice dell'Università del Salento

ULTERIORI CONTRIBUTI AL CONVEGNO

La libertà della persona, di fronte alle pretese delle neuroscienze

Mario Signore, Università del Salento

Nota: non potendo partecipare all'incontro di Frascati, il Relatore ha successivamente inviato i testi dell'intervento sopra riportati per il download

Fisica, Tempo e Libertà

Massimo Pauri, Università del Salento

Nota: Massimo Pauri ha inviato il suo Saggio sopra riportato per il download e incluso nella Sezione "Saggi e contributi al 3° convegno congiunto"

Sintesi del 17mo convegno Del Re

Francesco Abbona, Università del Salento

Nota: Francesco Abbona aveva scritto una sintesi del 17mo convegno Del Re, sopra riportata per il download, che come propone De Cecco includiamo qui, sempre in "Saggi e contributi al 3° convegno congiunto" in quanto si può considerare anche come contributo di quel gruppo al tema trattato congiuntamente a Frascati quest'anno. Contiene in effetti considerazioni tuttora valide e in parte nuove, o comunque espresse in modo diverso e più articolato. È anche già citato in "Bibliografia per il 3°convegno congiunto".




ALLEGATI


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

da Armando Reale

M. Costa, Preface to the Handbook of Neuropsychology of Mental Illness, 2010.

F. Tempia, Decisioni libere e giudizi morali: anche la mente conta, in: Siamo davvero liberi? Le neuroscienze e il libero arbitrio, a cura di M. De Caro, A. Lavazza, G. Sartori, pp. 87-108, 2010.

C. Vidal, Le comportements deviants de certaines jeunes enfants ont-ils une origine biologique?, "La Recherche", Dic. 2009.

Andrea Lavazza, Neuroscienze in tribunale, "Avvenire", 24 febbraio 2008.

A. Pagnini, recensione a A. Benini Che ”cosa” sono io? Il cervello alla ricerca di se stesso, "Il Sole 24 Ore", 5 ottobre 2009.

Andrea Lavazza, Ma il cervello è fatto per credere?, Recensione a Vittorio Girotto, Telmo Pievani, Giorgio Vallortigara Nati per credere” (Codice Edizioni), "Avvenire", 5 novembre 2008.

Gabriele Beccaria, Il senso della morte degli scimpanzè, "La Stampa", 5 maggio 2010.

Michele di Francesco, Perché non posso non dirmi io, Recensione a E. Boncinelli, Mi ritorno in corpo. Il corpo, le emozioni, la coscienza (Longanesi), "Il Sole 24 Ore", 21 febbraio 2010.

E. Boncinelli, Evoluzione biologica e psicologica nel saggio di D. Dennett, Recensione a D. Dennett, L’evoluzione della libertà (Raffaello Cortina), "Corriere della Sera", 16 maggio 2004.

Piero Coppo, Uguali perché diversi, "Il Sole 24 Ore", 30 agosto 2009.

Idan Segev, È il cervello a decidere prima che lo sappiamo, "La Stampa", 30 marzo 2011.

Vittorio Gallese, Con un click scateni l’inconscio, "La Stampa", 17 marzo 2010.Cesare

Andrea Lavazza, Il cervello capisce senza bisogno di vedere, "Avvenire", 5 agosto 2009.

Peccarisi, Individuati i neuroni del libero arbitrio. Processi mentali inconsci, "Corriere della Sera", 4 maggio 2008.

Giovanni Jervis, La coscienza che ci può unire, "Il Sole 24 Ore", 25 aprile 201.

Patricia Smith, Dall’evoluzione dei circuiti cerebrali è nata la moralità, "La Stampa", 6 ottobre 2010.

Giorgio Israel, Se la morale è un fatto di neuroni, "Osservatore Romano", 3 febbraio 2011.

Gabriele Beccaria, Freud aveva ragione, o quasi. Il Nobel Kandel: studio un'alleanza tra neuroscienze e psicanalisi (intervista al Nobel E.Kande), "La Stampa", 29 settembre 2010.

Boris Kotchoubey, et alii, Can Humans Perceive Their Brain States?, "Consciousness and Cognition", Volume 11, Issue 1, Pages 98-113 (March 2002).

Ray Tallis, Consciousness not yet explained, "New Scientist", 2742, Jan. 2010, pp. 28-29 [leggibile nel sito "www.quantum-mind.co.uk"].

The University of Arizona, Mind and Brain Lecture Series, «UA Science Lecture Series», Spring 2010.

da Giovanni Prosperi

G. Del Re (edited by), Brain Research and the Mind Body Problem: Epistemological and Metaphysical Issue, Pontificae Academiae Scientiarum, 1992 («W. 79»).

J.C. Eccles, Il mistero uomo, Il Saggiatore, Milano, 1981 [trad. it. di The Human Mystery. The Gifford Lectures University of Edinburgh 1977–1978, Springer, Berlin, 1979].

A.R. Damasio, L’Errore di Cartesio: emozione, ragione e cervello umano, Adelphi, Milano, 1995 [14. ed. 2014; trad. it. di Descartes' Error: Emotion, Reason, and the Human Brain, New York, Putnam, 1994].

B. Libet, Mind Time. Il fattore temporale nella coscienza, Raffaello Cortina, Milano, 2007 [trad. it. di Mind Time. The Temporal Factor in Consciousness, Cambridge, Harvard University Press, 2004].

L. Boella, Neuroetica. La morale prima della morale, Raffaello Cortina, Milano, 2008.

Facoltà Teologica Pugliese, Neuroscienze e persona: interrogativi e percorsi etici, a cura di Luigi Renna, EDB, Bologna, 2009.

da Marcello Costa

A. Berthoz, La scienza della decisione, Codice, Torino, 2004 [trad. it. di La décision, Jacob, Paris, 2003].

A.G. Cairns-Smith, Evolving the Mind. On the nature of matter and the origin of consciousness, Cambridge University Press, Cambridge, 1996.

A.R. Damasio, Self Comes To Mind: Constructing The Conscious Brain, Heinemann, London, 2010 [trad. it. Il sé viene alla mente: la costruzione del cervello cosciente, Adelphi, Milano, 2012].

D.C. Dennett, Freedom Evolves, New York, Viking, 2003 [trad. it. L' evoluzione della libertà , Raffaello Cortina, Milano, 2004].

G.M. Edelman, Wider Than the Sky. The Phenomenal Gift of Consciousness, Yale University Press, New Haven, 2004 [trad. it. Più grande del cielo: lo straordinario dono fenomenico della coscienza , Einaudi, Torino, 2004].

S. Gallagher, D. Zahavi, The Phenomenological Mind. An Introduction to Philosophy of Mind and Cognitive Science, Routlege, London, 2008 [trad. it. La mente fenomenologica. Filosofia della mente e scienze cognitive , Raffaello Cortina, Milano, 2009].

E. Goldberg, The Executive Brain. Frontal Lobes and the Civilized Mind , Oxford University Press, Oxford, 2001.

B. Libet, Mind Time. Il fattore temporale nella coscienzacfr. supra.

T. Metzinger, The Ego Tunnel. The Science of the Mind and the Myth of the Self, Basic Books, New York, 2009.[trad. it. Il tunnel dell'io. Scienza della mente e mito del soggetto , Raffaello Cortina, Milano, 2010].

R. Menary, The Extended Mind, MIT Press, Cambridge [MA]-London, 2010.

V.S. Ramachandran, A Brief Tour of Human Consciousness from Imposter Poodles to Purple Numbers, PI Press, New York, 2004.

T. Shallice, R.P. Cooper, he Organisation of Mind, Oxford University Press, Oxford, 2011.

D.M. Wegner, The Illusion of Conscious Will, MIT Press, Cambridge [MA]-London, 2002.

F.J. Varela, E. Thompson, E. Rosch, The Embodied Mind. Cognitive Science and Human Experience, MIT Press, Cambridge [MA], 1991.



Tito Arecchi, Fenomenologia della Coscienza: dall’apprensione al giudizio

Marcello Costa, Dalle molecole alla mente entro una sola fisica

Chiara D'Alessio, Neuroscienze e filosofia per un’educazione alla libertà ed alla responsabilità

Adriana Gini, Morale, virtù e neuroscienze

Antonio Giuditta, Cervello e mente: identità o distinzione?

Giovanni Prosperi, Fisica del sistema nervoso e soggettività

Filippo Tempia, Dai neuroni alla volontà e alla morale: libertà o determinismo

Giuseppe Trautteur, Libero arbitrio, realtà o illusione?




Mario Signore, La libertà della persona, di fronte alle pretese delle neuroscienze

Massimo Pauri, Fisica, Tempo e Libertà

Francesco Abbona, Sintesi del 17mo convegno Del Re




 

2° CONVEGNO "SCIENZA E FEDE" CONGIUNTO

GRUPPO GIOVANNI PRODI (63°) & GRUPPO GIUSEPPE DEL RE (31°)

 

Modelli cosmologici e concezione del mondo

Frascati (RM), Villa Campitelli, 12-14 giugno 2009

PROGRAMMA



Relazioni generali



 

La misura dell’età dell’Universo e il suo significato

P. George Coyne, Specola Vaticana e Università dell’Arizona







Tempo e cosmologia

Silvio Bonometto, Università di Milano Bicocca





Bellezza e vastità dell’Universo

Marco Bersanelli, Università di Milano







Modelli cosmologici e concezione del mondo: cosa può dire la cosmologia alla teologia (e viceversa)

Giuseppe Tanzella Nitti, Pontificia Università della Santa Croce – PUSC



Altri interventi programmati



P. Saturnino Muratore, Facoltà Teologica dell’Italia Merdionale

 

Cosmologie e concezioni del mondo

Lino Conti, Storia e Filosofia della Scienza, Università di Perugia





Giorgio Salvini, Università di Roma "La Sapienza"

 

Modelli cosmologici e statistica

Giorgio Sironi, Università di Milano Bicocca




ALLEGATI

P. George Coyne, La misura dell’età dell’Universo e il suo significato

Marco Bersanelli, Bellezza e vastità dell’Universo

Giuseppe Tanzella Nitti, Modelli cosmologici e concezione del mondo: cosa può dire la cosmologia alla teologia (e viceversa)

Giorgio Sironi, Modelli cosmologici e statistica

I seguenti interventi sono visualizzabili dal canale Youtube diwww.scienzafedesocieta.org, nella playlist "2° Convegno «Scienza e Fede» congiunto, Frascati 2009oppure dalla presente pagina del Sito.

P. George Coyne, La misura dell’età dell’Universo e il suo significato

Silvio Bonometto, Tempo e cosmologia

Marco Bersanelli, Bellezza e vastità dell’Universo,

Lino Conti, Cosmologie e concezioni del mondo




 

1° CONVEGNO "SCIENZA E FEDE" CONGIUNTO

GRUPPO GIOVANNI PRODI (50°) & GRUPPO GIUSEPPE DEL RE (18°)

 

Il ruolo dell'educazione scientifica
nell'educazione integrale dei giovani

Frascati (RM), Villa Campitelli, 15-17 novembre 2002

Francesco Abbona, Sintesi 1° Convegno congiunto dei Gruppi Scienza e Fede



Le sintesi degli incontri 11-30 del Gruppo Giuseppe Del Re, a cura di Francesco Abbona, sono consultabili nella seguente versione html sfogliabile e dotata di diverse funzioni di consultazione ipertestuale.




Francesco Abbona, Sintesi del 1° Convegno congiunto dei Gruppi Scienza e Fede








2018
• 82 •
N
2018
• 50 •
S
2018
• 6 •
C
2017
• 80 •
N
2017
• 79 •
N
2017
• 48 •
S
2017
• 47 •
S
2016
• 78 •
N
2016
• 77 •
N
2016
• 46 •
S
2016
• 45 •
S
2016
• 5 •
C
2015
• 76 •
N
2015
• 75 •
N
2015
• 44 •
S
2015
• 43 •
S
2014
• 74 •
N
2014
• 73 •
N
2014
• 42 •
S
2014
• 41 •
S
2013
• 4 •
C
2013
• 72 •
N
2013
• 71 •
N
2013
• 40 •
S
2013
• 39 •
S
2012
• 70 •
N
2012
• 69 •
N
2012
• 38 •
S
2012
• 37 •
S
2011
• 3 •
C
2011
• 68 •
N
2011
• 67 •
N
2011
• 36 •
S
2011
• 35 •
S
2010
• 66 •
N
2010
• 65 •
N
2010
• 34 •
S
2010
• 33 •
S
2009
• 2 •
C
2009
• 64 •
N
2009
• 63 •
N
2009
• 32 •
S
2009
• 31 •
S
2008
• 62 •
N
2008
• 61 •
N
2008
• 30 •
S
2008
• 29 •
S
2007
• 60 •
N
2007
• 59 •
N
2007
• 28 •
S
2007
• 27 •
S
2006
• 58 •
N
2006
• 57 •
N
2006
• 26 •
S
2006
• 25 •
S
2005
• 56 •
N
2005
• 55 •
N
2005
• 24 •
S
2005
• 23 •
S
2004
• 54 •
N
2004
• 53 •
N
2004
• 22 •
S
2004
• 21 •
S
2003
• 52 •
N
2003
• 51 •
N
2003
• 20 •
S
2003
• 19 •
S
2002
• 1 •
C
2002
• 50 •
N
2002
• 49 •
N
2002
• 18 •
S
2002
• 17 •
S
2001
• 48 •
N
2001
• 47 •
N
2001
• 16 •
S
2001
• 15 •
S
2000
• 46 •
N
2000
• 45 •
N
2000
• 14 •
S
2000
• 13 •
S
1999
• 44 •
N
1999
• 43 •
N
1999
• 12 •
S
1999
• 11 •
S
1998
• 42 •
N
1998
• 41 •
N
1998
• 10 •
S
1998
• 9 •
S
1997
• 40 •
N
1997
• 39 •
N
1997
• 8 •
S
1997
• 7 •
S
1996
• 38 •
N
1996
• 37 •
N
1996
• 6 •
S
1996
• 5 •
S
1995
• 36 •
N
1995
• 35 •
N
1995
• 4 •
S
1995
• 3 •
S
1994
• 34 •
N
1993
• 33 •
N
1994
• 2 •
S
1994
• 1 •
S
1993
• 32 •
N
1992
• 31 •
N
1992
• 30 •
N
1991
• 29 •
N
1991
• 28 •
N
1990
• 27 •
N
1990
• 26 •
N
1989
• 25 •
N
1989
• 24 •
N
1988
• 23 •
N
1988
• 22 •
N
1987
• 21 •
N
1987
• 20 •
N
1986
• 19 •
N
1986
• 18 •
N
1985
• 17 •
N
1985
• 16 •
N
1984
• 15 •
N
1984
• 14 •
N
1983
• 13 •
N
1983
• 12 •
N
1982
• 11 •
N
1982
• 10 •
N
1981
• 9 •
N
1981
• 8 •
N
1980
• 7 •
N
1980
• 6 •
N
1979
• 5 •
N
1979
• 4 •
N
1978
• 3 •
N
1978
• 2 •
N
1977
• 1 •
N

Avete delle questioni da porci?

Per maggiori informazioni,
S C R I V E T E C I